Mancano pochi giorni alla ottantaseiesima edizione degli Oscar e come ogni anno, per diversi amanti del cinema, è giunto il tempo di fare un po’ di pronostici provando ad indovinare che si aggiudicherà l’ambiziosa statuetta.
Non parlerò di ogni specifica categoria ma limiterò le mie previsioni a solo quella di miglior film avendo avuto modo di vederli tutti e alcuni anche più volte. Pertanto ecco la lista dei nomi in lizza con un mio personale (e vagamente ironico) commento su cosa penso su ognuno di loro.

Boyhood


Osannato dalla critica e dai cinofili accaniti, Boyhood è un opera peculiare ed affascinante il cui pregio è il mezzo narrativo: il tempo. Infatti, la pellicola è stata girata nel corso di 12 anni in modo tale da mostrare in maniera naturale la crescita del suo protagonista, Mason, dai 6 anni fino ai 18. Un lavoro lodevole per un film che però non spicca mai e non mi ha emozionato come per tanti. Richard Linklater ha portato su schermo la quotidianità, un vita semplice in cui tutti possiamo rispecchiarci toccando diverse tematiche approfondite però meglio in tanti altri film. Forse è questo che non mi piace: la sua totale neutralità, il suo ritmo lento e la quiete generale senza mai che arrivi la burrasca. Non sapevo assolutamente prima di vederlo, mai letto la trama, ne recensioni, ne visto trailer e ovviamente nemmeno della durata delle riprese, posso quindi affermare di avere avuto una visione il più imparziale possibile. I personaggi sono rinsecchiti, poco approfonditi e sinceramente non mi sono mai interessato a loro. Scene già viste e riveste centinaia di volte da risultare spesso prevedibili (tutta la parte dei padri alcolizzati) e dialoghi ridondanti, banali, noiosi. Alcuni possono affermare che è la semplicità vista in una retrospettiva diversa la forza di Boyhood ma la sua incapacità di emozionarmi in qualsiasi modo me lo fa vedere come un esperimento ambizioso adatto solo per una certa fetta di pubblico.


Regia: Richard Linklater

Sceneggiatura: Richard Linklater

Interpreti: Ellar Coltrane (Mason Evans), Ethan Hawke (Mason Evans Sr.), Patricia Arquette (Olivia Evans)

Fotografia: Lee Daniel, Shane Kelly

Nomination: 6

c065a1cc49511a055afbcbe5c902084e

Birdman


L’ultima opera di Alejandro González Iñárritu critica attraverso gli occhi di Michael Keaton e il suo personaggio Riggan Thomson, l’intrattenimento moderno in cui la settima arte è stata fagocitata da blockbuster pirotecnici, in cui l’unica ambizione è essere virali sui social network e la gente è assuefatta dai propri smartphone. Un viaggio all’interno della psiche di un uomo ormai sull’orlo, in cerca di amore e rispetto da parte di un pubblico che lo vede solo come una celebrità dei vecchi tempi. Una trama perfetta portata avanti da interpretazioni altrettanto perfette, scritto con cura e girato con il quasi surreale piano sequenza di cui tutti parlano.


Regia: Alejandro González Iñárritu

Sceneggiatura: Alejandro González Iñárritur

Interpreti: Michael Keaton (Riggan Thomson)
Zach Galifianakis (Jake)
Edward Norton (Mike Shiner)
Emma Stone (Sam Thomson)
Andrea Riseborough (Laura)
Amy Ryan (Sylvia Thomson)
Naomi Watts (Lesley)
Merritt Wever (Annie)
Lindsay Duncan (Tabitha Dickinson)

Musiche: Antonio Sánchez

Fotografia: Emmanuel Lubezki

Nomination: 9

BIRDMAN-poster-crop

Whiplash


Scoppiettante, incalzante, folgorante, dirompente, magistrale…ci sono diversi aggettivi per descrivere Whiplash. Un film fresco, al ritmo di Jazz che parla di passione, amore, odio e sogni che diventano ossessione. Andrew è un ragazzo che ambisce a diventare un grande batterista Jazz, il migliore, nella sua strada incontra il poco amorevole insegnante musicista Terence Fletcher, una guida spietata, che non ama il “buon lavoro” e che sprona al limite i suoi studenti. Non per odio ma perché vede in loro il talento il quale va coltivato con il duro lavoro. Grazie ad un eccellente performance di J.K Simmons e alla regia fresca e giovane di Damien Chazelle, Whiplash è assolutamente magnifico.


Regia: Damien Chazelle

Sceneggiatura: Damien Chazelle

Interpreti: Miles Teller (Andrew Neiman)
J. K. Simmons (Terence Fletcher)
Melissa Benoist (Nicole)
Austin Stowell (Ryan)
Paul Reiser (Jim Neiman)
Jayson Blair (Travis)

Musiche: Justin Hurwitz

Fotografia: Sharone Meir

Nomination: 5

272686df40d3778055bcea7e0ce8b197

Grand Budapest Hotel


Lo ammetto, non sono un amante di Wes Anderson tuttavia Grand Budapest Hotel l’ho gradito abbastanza. Una favola delle tinte color pastello, in una luogo immaginario che trasborda nella storia (quella vera), con personaggi volutamente stilizzati e originali, immerge lo spettatore in un avventura dolce/amara ricca d’azione raccontata in un modo che solo Anderson sa fare. Riecheggiano nelle orecchie le musiche di Alexandre Desplat e rimangono negli occhi i costumi e le scenografie surreali.


Regia: Wes Anderson

Sceneggiatura: Wes Anderson

Interpreti: Ralph Fiennes (Monsieur Gustave H.)
Tony Revolori (Zero Moustafa, giovane)
Saoirse Ronan (Agatha)
Bill Murray (M. Ivan)
Edward Norton (ispettore Henckels)
F. Murray Abraham (Zero Moustafa, anziano)
Harvey Keitel (Ludwig)
Jude Law (l’autore da giovane)
Tilda Swinton (Madame Céline Villeneuve Desgoffe und Taxis)
Jason Schwartzman (M. Jean)
Willem Dafoe (J.G. Jopling)
Jayson Blair (Travis)

Musiche: Alexandre Desplat

Fotografia: Robert Yeoman

Nomination: 9

bandicam 2015-02-18 18-08-57-342

The Imitation Game


Alan Turing è stata una delle persone più importanti dello scorso secolo, senza il quale in questo momento non potrei nemmeno scrivere questo articolo. Il film di Morten Tyldum gli rende omaggio e racconta la sua storia in maniera romanzata ma fedele alla realtà, grazie alla ottima interpretazione di Benedict Cumberbatch. Il lavoro è da manuale: ritmo costante e una sceneggiatura buona abbastanza da rendere godibile la pellicola. Niente di così speciale o veramente nuovo, rimane lo stesso un ottimo film che merita attenzione.


Regia: Morten Tyldum

Sceneggiatura: Graham Moore

Interpreti: Benedict Cumberbatch (Alan Turing)
Keira Knightley (Joan Clarke)
Matthew Goode (Hugh Alexander)
Charles Dance (Comandante Alastair Denniston)
Mark Strong (Stewart Menzies)
Rory Kinnear (Detective Nock)
Allen Leech (John Cairncross)
Matthew Beard (Peter Hilton)

Musiche: Alexandre Desplat

Fotografia: Óscar Faura

Nomination: 8

e29ab11e2e89f0ea87cdad6f0abcce07

La Teoria Del Tutto


La teoria del tutto ha molto in comune con il film sopra: la vita di uno scienziato, di una mente geniale, un’altro film di buona fattura dove il meglio viene dai due attori protagonisti, Eddie Redmayne e Felicity Jones, i quali riescono a dar vita a dei personaggi credibili. La sceneggiatura è buona, forse tende un po’ troppo al mieloso in certe fasi, punta troppo al fattore dramma/amore invece di focalizzarsi di più sulle scoperte del noto astrofisico. Comunque sia è pur sempre un film di qualità anche se, come per The Imitation Game non regala nulla di nuovo


Regia: James Marsh

Sceneggiatura: Anthony McCarten

Interpreti: Eddie Redmayne (Stephen Hawking)
Felicity Jones (Jane Hawking)
Emily Watson (Beryl Wilde)
Charlie Cox (Jonathan Hellyer Jones)
David Thewlis (Dennis William Sciama)
Harry Lloyd (Brian)
Adam Godley (Senior Doctor)
Maxine Peake (Elaine Mason)
Simon McBurney (Frank Hawking)
Enzo Cilenti (Kip Stephen Thorne)

Musiche: Jóhann Jóhannsson

Fotografia: Benoît Delhomme

Nomination: 5

43fa4655b848355747eedf47ab031fd5

American Sniper


Raccontare la storia di une “eroe” americano senza essere patriottici ma anzi, trasformarla in un accusa contro la guerra, è l’arduo compito che Clint Eastwood si è preso in dovere di raggiungere con American Sniper. Interpretato da un pompato Bradley Cooper, Chris Kyle è un americano fedele al suo paese e soprattutto il cecchino più letale che gli USA abbiano mai avuto. Attraverso una visione soggettiva entriamo dentro la sua testa mettendo a nudo il soldato perfetto con tutte le sue paure e timori, una pellicola che parla di guerra e degli effetti che essa provoca su chi va a combatterla.


Regia: Clint Eastwood

Sceneggiatura: Jason Hall

Interpreti: Bradley Cooper (Chris Kyle)
Sienna Miller (Taya Renae Kyle)
Luke Grimes (Marc Lee)
Jake McDorman (“Bombarda”)
Kyle Gallner (Winston)
Sam Jaeger (Capitano Martens)

Fotografia: Tom Stern

Nomination: 6

bandicam 2015-02-18 17-55-06-580

Selma – La strada per la libertà


Non poteva mancare in lizza agli Oscar il film culturale in salsa razzista + storia americana. Quest’anno ci pensa Ava DuVernay portando sullo schermo la gloriosa marcia di Martin Luther King partita da Selma per permettere ai cittadini di colore il diretto di voto. Una storia interessante e importante da conoscere ma narrata in maniera piatta, noiosa e scolastica. Non mi sono emozionato, i discorsi di incitamento di King non mi hanno eccitato, come nemmeno la centesima scena di un nero pestato da un bianco; questo è il tipo di film drammatico facile in cui si prendono gli avvenimenti storici e li si buttano su schermo (come per Lincoln di Spielberg). Ovviamente la critica americana lo adora (chissà perché…) ma obbiettivamente come opera cinematografica raggiunte giusto la sufficienza.


Regia: Ava DuVernay

Sceneggiatura: Paul Webb

Interpreti: David Oyelowo (Martin Luther King, Jr.)
Tom Wilkinson (Lyndon B. Johnson)
Tim Roth (George Wallace)
Common (James Bevel)
Carmen Ejogo (Coretta Scott King)
Lorraine Toussaint (Amelia Boynton Robinson)
Oprah Winfrey (Annie Lee Cooper)

Fotografia: Bradford Young

Nomination: 2

677517ac6d55a95131ef2a91a6a29b70

Pronostici


Chi vincerà quest’anno l’ambita statuetta? Il favorito alla vittoria non è sempre ben chiaro e sul web si fanno scommesse di ogni tipo, ognuno convinto della propria decisione. Pertanto proviamo ad immedesimarci in un giurato di Hollywood e analizzare ogni film per vedere quale meriterebbe effettivamente il premio.

Whiplash: film stupendo, non originalissimo e soprattutto fuori dai gusti tipici dell’Academy. Dubito possa vincere.

Birdman: capolavoro, ricco di chiavi di lettura, ottimo attori, musiche, fotografia ma non ha convinto tutti anche se indubbiamente la statuetta la meriterebbe.

La Teoria Del Tutto: si parla di un grande uomo sia come scienziato che persona, poi è anche malato e all’Accademy piacciono i malati che affrontano il loro male. Comunque non vince.

The Imitation Game: a tutti i pezzi al loro posto ma gli manca quel ché di nuovo e diverso, la statuetta non la merita.

Selma: adorato degli americani perché si sentono ancora in colpa per come hanno tratti i neri, potrebbe farcela, l’hanno scorso però han fatto vincere “12 anni schiavo” quindi dubito facciano il bis quest’anno.

Grand Budapest Hotel: Potrebbe sbancare con i premi tecnici (scenografie e costumi in primis) ma c’è un certo Interstellar che gli potrebbe fregare più di una statuetta, come la colonna sonora originale che andrebbe a parer mio a Hans Zimmer.

American Sniper: non è patriottico abbastanza!! Non è comunque da Oscar.

Boyhood: prosaico, lungo e pretenzioso, il tipico film di nicchia che tutti dicono che è bello perché è una pacchia (si scherza eh), potrebbe vincere tranquillamente anche perché è risaputo che vince sempre quello che mi piace di meno (non è risaputo? Ah no?).

Per semplificare le cose:

Potrebbe vincere: Boyhood.

Dovrebbe vincere: Birdman

Whiplash è favoloso ma non ha bisogno di una statuetta e il regista, giovanissimo, ne ha di tempo per farsi le ossa.

E secondo voi chi potrebbe e dovrebbe vincere?


Filippo Giacometti