Will Smith ritorna al cinema accompagnato dalla bella e sensuale Margot Robbie in un film diretto dal duo Glenn Ficarra e John Requa, “Focus – Niente è come sembra” (non capisco mai perché in Italia devono appiopparci un secondo titolo), Smith interpreta un sedicente truffatore esperto del mestiere e la bionda Robbie una ragazza in cerca di brivido e soldi facili.

Focus ci trasporta nel pericoloso e moralmente discutibile mondo dei truffatori intrappolandolo le immagini in una fotografia luminoso dove sbrilluccicano diamanti e gioielli, auto di lusso e il verde preferito degli americani, quello dei dollari. Ricchezze, azzardi, scommesse e menzogne. La trama è una matriosca di bugie, ogni non verità serve a mascherarne una più grande ancora che ne copre una ancora di più ; niente di personale è solo “lavoro”. Sguardi ammalianti, un veloce movimento di mani, distogli l’obbiettivo e il gioco è fatto. Trucchi da mentalisti e borseggiatori.

La sceneggiatura riesce ad adempiere al compito di riuscire a far tenere sempre allerta lo spettatore, sai sempre che stanno mentendo, che c’è qualcosa di losco ma non si riesce a capirlo fino a quando non si scoprano le carte. La coppia Smith e Robbie è una formula che fa scintille, un rapporto amoroso in cui fidarsi è difficile nonché stupido.

Focus è un opera cinematografica gratificante e ben congegnata con l’unico difetto (forse) che basandosi tutto sull’effetto sorpresa, ad una seconda visione potrebbe risultare meno interessante.


Filippo Giacometti